Chi Siamo?

Comunità Murialdo Trentino Alto Adige

Su di noi

Siamo un’Opera della Provincia Italiana della Congregazione di San Giuseppe, fondata da San Leonardo Murialdo nel 1873. Di essa, dal 20 maggio 2021, siamo Ramo di Casa Generalizia della Pia Società Torinese di San Giuseppe denominato “Comunità Murialdo Trentino Alto Adige IS”. Operiamo in Trentino Alto Adige dal 1979. Ci prendiamo cura del benessere educativo di bambini, giovani e famiglie, anche in situazioni di difficoltà. Ne sosteniamo, nella quotidianità, la crescita e l’autonomia e promuoviamo nel territorio la cultura dell’accoglienza.

Viviamo la nostra esperienza comunitaria come modalità di relazione e di gestione partecipata con un gruppo numeroso composta da operatori e da volontari, collaborando con i Servizi Sociali, con tutte le realtà civili ed ecclesiali del territorio e con le Opere e Comunità Giuseppine del territorio nazionale.

Cosa Facciamo?

Siamo impegnati nell’accoglienza, nell’educazione, nella formazione di bambini e ragazzi e nel sostegno delle loro famiglie, offrendo servizi e sviluppando progetti e interventi attraverso la cultura dell’accoglienza, della solidarietà e del volontariato.

Sostegno

Sosteniamo l’accoglienza familiare, impegnandoci in interventi per abilitare le famiglie all’affidamento e ad altre forme di condivisione.

Accoglienza

Promuoviamo nel territorio la cultura dell’accoglienza, della solidarietà e del volontariato.

Cura e Studio

Curiamo lo studio e la ricerca nel settore delle politiche giovanili, per individuare nuove modalità di intervento, con attivazione di nuove strategie per ovviare all’allontanamento del minore dalla famiglia, in un’ottica di empowerment.

Supporto

Creiamo rete con i Servizi Sociali e con tutte le realtà civili ed ecclesiali del territorio.

Mission e Principi

Costruiamo risposte e non servizi.

Non è uno slogan, ma una delle scelte di valore che ci caratterizzano e si concretizza nel porre la persona al centro della progettazione di qualsiasi percorso di crescita e di aiuto, evitando di considerarla “utente” di un servizio già pensato e organizzato.

Le nostre modalità operative per la realizzazione dei progetti di aiuto si ispirano, infatti, ai seguenti principi:

1

Centralità della persona

Si risponde alla persona, non al disagio; alla persona nel suo contesto di vita e non isolata da questo.
2

Primato della persona sulle modalità di intervento

Non si chiede alla persona di adattarsi ai progetti già esistenti, ma si costruisce assieme il cammino da compiere.
3

Corresponsabilità nella costruzione di percorsi individualizzati

non si progetta “su” o “per” una persona, ma “con” lei.
4

Costruzione dell’autonomia personale e inserimento nel territorio

Si opera per aiutare la crescita dell’autonomia delle persone, evitando di costruire situazioni di neo-istituzionalizzazione.
5

Costruzione di reti di sostegno

costruzione di un ambiente vitale capace di aiuto e sostegno anche al termine dell’intervento della Comunità.
6

Collaborazione e coordinamento con i Servizi invianti

7

Differenziazione degli interventi ed elasticità progettuale.

8

Sistematica verifica della coerenza

efficacia ed efficienza delle azioni poste in atto con le persone stesse, attraverso le équipe di progetto, con i Servizi sociali, ecc…

Consiglio di presidenza (CDP)

Don MARCO DEMATTE’

Responsabile religioso, garante del carisma murialdino, della mission e della condivisione carismatica tra religiosi, laici e istituzioni ecclesiali del territorio

CLAUDIA PROSSER

Direttore operativo, normalmente in funzione anche di procuratore del legale rappresentante

PAOLO REBECCHI, SANDRA BELTRAMOLLI, MOSE’ MORA

a presidio dell’ispirazione carismatica, della coerenza alla mission, della formazione e dell’attuazione delle linee di indirizzo generale