È fine agosto, l’asilo estivo a villa Murialdo si è concluso venerdì scorso. Adesso resta un enorme giardino pieno di giocattoli da riordinare, impacchettare e sistemare.

Ha un che di magico questa strana quiete. Il giardino sembra vuoto senza i bambini pronti a scorrazzare e a inventarsi giochi nuovi ogni cinque minuti, guidati dalla loro innata e preziosa immaginazione.

Bene, quindi, rimbocchiamoci le maniche e diamoci da fare. Da dove cominciare?

Ecco i cartelloni! Enormi spazi bianchi che in poco tempo si sono tinti di piccole mani colorate. Sono stati proprio i colori che ci hanno accompagnato durante il nostro viaggio! Hanno scandito le 4 settimane ognuna dedicata ad un colore e ad un’emozione diversa. Infatti, con i bambini abbiamo esplorato tutte le diverse sfumature delle emozioni. Abbiamo accompagnato il piccolo “Sergio” (nome attribuito dai bambini al protagonista del libro “Le mappe delle mie emozioni”) nel suo viaggio attraverso le Terre della gioia, della rabbia, della paura e della tristezza.

La prima settimana, dedicata alla gioia, ci siamo tinti di giallo, per poi scoprire da qualcuno di loro che quando è contento diventato color “Arcobaleno”. E cosa rende più felice un bambino di una gita al parco giochi più vicino? Zainetti in spalla ci siamo avventurati lungo la ciclabile e, costeggiando un grazioso torrente, abbiamo raggiunto la meta! Lì ci siamo lasciati andare al dolce dondolio di un’altalena o al brivido di una discesa dallo scivolo “Giallo” (così ribattezzato dai bambini). Il gusto per l’avventura ha catturato i nostri bambini tanto che quello del “Parco giochi giallo” è diventato un appuntamento fisso per tutte le settimane.

La seconda settimana, l’abbiamo dedicata alla tristezza. In fondo capita a tutti di sentirsi un po’ giù di morale, di sentirsi un po’ blu. Attraverso il gioco abbiamo cercato di trasmettere il messaggio che ogni emozione serve anche quando pensiamo che sia meno gradevole delle altre, o meglio “un po’ antipatica”, come l’ha definita qualcuno di loro. E durante la settimana blu non potevano mancare i giochi d’acqua! Perciò dopo aver messo il costumino e le ciabattine, ecco che i bambini si sono cimentati in sfide, gare e giochi tutti nel blu!

La terza settimana invece abbiamo scelto di accompagnare i bambini con il colore rosso, il rosso della rabbia. Tra pastelli colorati, letture, gite al parco giochi, sfide acquatiche e gare di costruzione di castelli in sabbiera si è conclusa la penultima settimana.

La quarta settimana, quella conclusiva, è stata dedicata alla paura. Un’emozione tutta viola che ha un diverso aspetto a seconda del bambino che la racconta: il mostro, il temporale, l’acqua alta. Alcune volte la troviamo anche nei sogni, ecco che quindi per combatterla abbiamo creato un acchiappasogni! Dopo averlo dipinto con i colori più sgargianti e decorato con perline, i bambini hanno affidato all’intreccio il compito di catturare tutti gli incubi per far si che la notte passi tranquilla.

 In poco tempo siamo arrivati alla fine del nostro viaggio. Sono state quattro settimane intense, trascorse inaspettatamente veloci. Con la speranza di aver lasciato un poco più di colore … alla prossima estate!

L’equipe di E…STATE A VILLA MURIALDO!