Fioritura: è questa la parola d’ordine di questa fine maggio/inizio giugno in Sardagna.

Le recenti perturbazioni, le temperature fresche e il sole nascosto dietro alle nuvole hanno rallentato il ciclo dei numerosi fiori che colorano la campagna di Villa Rizzi. Rallentato, ma non fermato. 

Camminando tra le nostre piante infatti possiamo rifarci gli occhi osservando le nostre rose rosse, gialle e bianche sbocciare, che raccoglieremo per unirle alle tisane, gli alberi di sambuco carichi di fiori con i quali produciamo il nostro sciroppo e infusi. Il profumo della camomilla si diffonde tra i prati ed educatori e ragazzi collaborano nella raccolta mattutina, fiore per fiore, per garantire la massima qualità della nostra tisana di camomilla e camomilla e tiglio.

La stanza di essiccazione è sempre operativa in questi giorni, ricca di aromi.

A breve sbocceranno anche i fiori di tiglio. Attendiamo invece in estate quelli della calendula, della malva e del fiordaliso, ingredienti fondamentali dei nostri sali, tisane e creme. Anche questi fiori saranno raccolti uno a uno dai giovani che frequentano la struttura. Un lavoro di cura e precisione, che crea anche preziose occasioni di confronto. Una chiacchiera qua e là per costruire relazioni sane tra loro.

I ragazzi e le ragazze che frequentano il nostro laboratorio per l’acquisizione dei prerequisiti lavorativi si stanno impegnando giorno dopo giorno, adeguandosi ai ritmi della terra e della campagna, che talvolta sono prevedibili, mentre altre volte ci sanno sorprendere.

Continuano i lavori presso l’Orto in Città. Abbiamo piantato erbe aromatiche e ortaggi, nell’attesa di incontrarvi, raccontarvi chi siamo e condividere il frutto del nostro lavoro.

L’equipe di Villa Rizzi